Legge Bilancio 2018: Fondo per investimenti Industria 4.0

La legge di bilancio 2018 è approdata in Senato – istituisce il Fondo per il capitale immateriale, la competitività e la produttività al fine di perseguire gli obiettivi di politica economica ed industriale connessi al programma Industria 4.0.

Il Fondo si aggiunge ad un altro importante intervento previsto dalla Manovra 2018 per sostenere la digitalizzazione delle imprese italiane: il credito d’imposta per la formazione 4.0.

Il Fondo – che sarà istituito nello stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze – intende sostenere interventi volti a favorire lo sviluppo del capitale immateriale, della competitività e della produttività, con una dotazione di 5 milioni di euro per l’anno 2018 e di 250 milioni di euro a decorrere dal 2019.

Gli obiettivi di politica economica ed industriale per la crescita e la competitività del Paese da perseguire con il Fondo saranno definiti annualmente con delibera del Consiglio dei Ministri.

Con regolamento adottato ai sensi dell’articolo 17, comma 1, della legge n. 400-1988 – su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico ed il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca – sarà individuato l’organismo competente alla gestione delle risorse, insieme all’assetto organizzativo per un uso efficiente dello strumento.

Cosa finanzia il Fondo

Lo scopo della misura è favorire il collegamento tra i diversi settori di ricerca interessati dagli obiettivi di politica economica e industriale, la collaborazione con gli organismi di ricerca internazionali e l’integrazione con i finanziamenti della ricerca europei e nazionali, ma anche sviluppare le relazioni con il sistema del venture capital italiano ed estero.

Nello specifico, il Fondo per il capitale immateriale, la competitività e la produttività è destinato a finanziare:
• a) progetti di ricerca e innovazione da realizzare in Italia ad opera di soggetti pubblici e privati, anche esteri, nelle aree strategiche per lo sviluppo del capitale immateriale funzionali alla competitività del Paese;
• b) il supporto operativo ed amministrativo alla realizzazione dei progetti finanziati, al fine di valorizzarne i risultati e favorire il loro trasferimento verso il sistema economico produttivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: