Bisogna che le banche aumentino la loro capacità di fare una intelligente selezione del credito

“Spero” che nell’erogazione del credito si tenga conto del merito, “ma non sono sicuro che sia così”. Lo ha detto il d.g. di Bankitalia, Salvatore Rossi: “bisogna che le banche aumentino la loro capacità di fare una intelligente selezione del credito e che la struttura finanziaria italiana sia meno dipendente dal credito bancario”. Rossi ha parlato a margine di una conferenza dal titolo ‘Chi ha rubato il futuro ai giovani?’ nell’ambito del Festival della scienza, in corso a Genova. Analizzando i motivi della stretta sul credito, il direttore generale di Bankitalia ha osservato che questa “è purtroppo il risultato di 5 anni di recessione. Dopo una crisi così grave, la più grave dal dopoguerra, fare credito è diventato più difficile. Le imprese migliori che esportano vanno molto bene nonostante la recessione e hanno ridotto la domanda di credito, ma l’ha aumentata chi è più in difficoltà e verso queste le banche esercitano più prudenza”. “Alle banche bisogna chiedere le cose giuste, non cose che le banche non devono e non possono fare: devono impegnare le risorse che raccolgono dai risparmiatori oculatamente, senza correre avventure a sostegno dell’economia che è fatta di famiglie e imprese”. “Non chiediamo a nessun soggetto economico o sociale di caricarsi di responsabilità pubbliche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: