Il gettito dei primi sette mesi del 2013 cresce dell’1,2% rispetto al 2012.

Il gettito dei primi sette mesi del 2013 cresce dell’1,2% rispetto al 2012. Nel complesso, le entrate tributarie erariali registrate nel periodo, accertate in base al criterio della competenza giuridica, ammontano a 234.703 milioni di euro, (+2.770 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2012). Le entrate tributarie derivanti dall’attività di accertamento e controllo risultano pari a 4.256 milioni di euro (+287 milioni di euro pari a +7,2%), ”a conferma dell’efficacia dell’azione di contrasto all’evasione”. Lo dice il Ministero dell’Economia nel diffondere i dati sulle entrate fiscali dei primi sette mesi dell’anno. Il gettito Iva in 7 mesi cala del 5% (-2.944 milioni). Lo comunica il Mef. L’andamento riflette la riduzione del gettito per scambi interni (-1,8%) e sull’import (-20,8%). Ma rallenta la dinamica negativa sugli scambi interni negli ultimi due mesi (giugno e luglio), che mostrano un recupero. A luglio il calo dell’Iva e’ stato dello 0,9%. Le manovre dei governi sui bolli si fanno sentire sulle tasche degli italiani: risulta infatti in crescita nei primi 7 mesi dell’anno – dice il Mef – l’imposta di bollo che registra un aumento del 27,9% (+1.344 milioni di euro), ”per effetto – spiega via XX Settembre – delle modifiche normative introdotte dall’art.19, commi 1-5, del decreto legge n.201 del 2011”, il cosiddetto ‘Salva-Italia’ del Governo Monti In flessione del 5,8% (-368 milioni di euro) nei primi 7 mesi dell’anno le entrate dell’imposta sul consumo dei tabacchi legata, in parte, al calo dei consumi determinato dalla diffusione delle sigarette elettroniche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: