Si confermano segnali di miglioramento per l’economia ma c’e’ la necessita’ di consolidarli

Si confermano segnali di miglioramento per l’economia ma c’e’ la necessita’ di consolidarli. Si sarebbe dunque ad un punto di svolta ma la ripresa sara’ graduale. Questo e’ quanto e’ emerso – secondo fonti Bankitalia – durante la colazione di lavoro, durata circa due ore, fra il premier Enrico Letta, il ministro Fabrizio Saccomanni e il Governatore Ignazio Visco a Palazzo Chigi. Ai primi segnali di inversione del ciclo colti dal ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, si sono aggiunte nuove conferme negli ultimi giorni. Secondo fonti del Tesoro, i segnali di ripresa dell’economia italiana “sono reali” e “sono necessarie politiche di continuità con le scelte fatte” per favorire la crescita. “La ripresa – si aggiunge – è figlia anche della stabilità sui mercati”. Durante il vertice, riferiscono fonti di governo, si è in primo luogo “verificato, dati e analisi alla mano, che i segnali di ripresa dell’economia italiana sono reali, in particolare per l’autunno”. C’e’ dunque la “consapevolezza che sono necessarie politiche di continuità con le scelte sinora fatte”, che sono “ritenute necessarie per agganciare e favorire questa ripresa”.”Ripresa – si sottolinea nel governo – che è figlia anche della stabilità sui mercati, che dunque bisogna sforzarsi di mantenere e consolidare”. Durante la colazione di lavoro si è anche analizzata la situazione del “sistema bancario italiano” e lo si è fatto “sotto un duplice profilo”: il contenzioso Monte Paschi Siena con Bruxelles, che ha sostanzialmente bocciato il piano di ristrutturazione. A questo proposito si è arrivati alla conclusione che la tesi italiana è valida che sia in “errore” Bruxelles. Si è poi ribadita la “solidità complessiva del sistema bancario che viene confermata pur nella consapevolezza di alcuni aspetti di criticità territoriali”. Infine, concludono le fonti, “in chiave europea si è parlato dell’unione bancaria europea in vista del semestre di presidenza italiana dell’Ue, con il forte auspicio di una piena e rapida attuazione dell’unione bancaria”. Letta, segnali che serve stabilita’, non serve crisi – Ci sono segnali di consapevolezza che serve stabilita’ e non una crisi, non possiamo permetterci crisi politiche. Lo ha affermato Enrico Letta parlando a Bolzano. ”Penso che ci sia bisogno di stabilità e ci sono segnali di consapevolezza di questo bisogno”.Lo ha detto il premier Enrico Letta ”in Italia occorre tutto – ha aggiunto – fuorchè una crisi politica dagli esiti incerti”. ”Gli italiani – ha detto – chiedono stabilità e risposte concrete”. ”Dall’incontro con Visco sono emersi molti punti che lasciano intendere che gli stimoli alla ripresa cominciano a realizzarsi”. Lo ha detto il premier Enrico Letta parlando a Bolzano. ”Dunque – ha affermato – è tutto a posto? Assolutamente no: Sappiamo i tanti problemi che ha l’Italia, ma ci sono segni di ripresa e questa ripresa ha bisogno di stabilità, ha bisogno di comportamenti responsabili da parte di tutti”. Urgente riforma della legge elettorale – ”C’è il grande problema di una legge elettorale, senza la quale le elezioni darebbero una ulteriore situazione di instabilità”. Lo ha detto il premier Enrico Letta parlando a Bolzano. Per la legge elettorale – ha spiegato – ”occorre una procedura d’urgenza, a settembre in commissione e a ottobre si vada in aula”. ”Occorre dare – ha aggiunto Letta – un segnale che si vogliono superare i motivi di instabilità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: