La vanità infantile di emergere sugli altri porta a non riconoscere le idee e le capacità degli altri

Smettere con ”lo spirito di contrapposizione, di criticarci vicendevolmente e di porre veti incrociati, di sospettarci a vicenda come se il dovere di ciascuno fosse quello di pensar male delle intenzioni altrui. Tutto cio’ uccide la fiducia e lo sviluppo personale e sociale”. Lo ha detto il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco. Il cardinale ha quindi aggiunto che “è l’ora di smettere di attribuirci il merito di ogni idea buona, di ogni opera riuscita. La vanità infantile di emergere sugli altri e apparire i migliori della città porta a non riconoscere le idee e le capacità degli altri, a non collaborare, a trovare ogni appiglio per bloccare ogni possibile prospettiva. E’ l’ora di smettere di impuntarci per far vedere chi siamo e che contiamo. Nessuno, per affermare il proprio potere, deve fermare o rallentare i progetti per il bene comune. Anche le leggi e le normative devono essere applicate con buon senso”. “E’ l’ora di smettere di opporci – ha proseguito – per nascondere le nostre pigrizie o i nostri tornaconti che, se venissero fuori, ci farebbero vergognare. E’ l’ora di smettere di denigrarci e diffondere veleni, creando un’aria cupa e irrespirabile. Ciò non fa bene alla gente, alla città, al paese. A chi giova – ha concluso – infangare tutto e tutti, come se dietro ad ogni angolo si nascondesse il peggio? Chi semina vento raccoglierà tempesta e questa non risparmierà nessuno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: