Papa Francesco: “quando un prete, un vescovo va dietro ai soldi, il popolo non lo ama e quello è un segno. Ma lui stesso finisce male”

Traffico in tilt nella zona di San Pietro e sul Lungotevere per la tradizionale udienza del mercoledì di papa Francesco che si svolgerà nella piazza. Solo dalle navi da crociera che attraccano a Civitavecchia, sono attesi 200 pullman, per un totale di 5.000 persone. I vigili urbani hanno transennato le strade limitrofe a alla Basilica. IL VESCOVO E’ PER IL POPOLO, NON VADA DIETRO AI SOLDI – “Un vescovo non è per se stesso, ma per il popolo, e un prete non è per se stesso ma per il popolo”, per condurlo a “unita” e “per difenderlo dai lupi”. Lo ha detto il Papa nella messa del mattino a Santa Marta, aggiungendo che “quando un prete, un vescovo va dietro ai soldi, il popolo non lo ama e quello è un segno. Ma lui stesso finisce male”. Quindi ha ricordato che san Paolo “non aveva un conto in banca, lavorava”. Stralci dell’omelia sono pubblicati dalla Radiovaticana. CARD. O’BRIEN LASCIA LA SCOZIA PER PERIODO PENITENZA Il card. Keith Patrick O’Brien, arcivescovo emerito di St. Andrews and Edinburgh, lascia la Scozia “d’intesa con il Santo Padre” per “alcuni mesi di rinnovamento spirituale, preghiera e penitenza”. Lo rende noto la sala stampa vaticana, spiegando che la decisione è stata presa per le “stesse ragioni per cui decise di non prendere parte all’ultimo Conclave”, legate al scandalo sui suoi comportamenti sessuali. Ogni “decisione circa la destinazione futura del Cardinale sarà da concordare con la S.Sede”. ANCHE FOTO CON ATTORI ALLA FINE DELL’UDIENZA – Foto di gruppo con attori per papa Francesco, che al termine dell’udienza generale, nel giro tra i fedeli, ha stretto la mano, e poi si è fatto fotografare, a un gruppo di attori, tra cui Nancy Brilli, Sebastiano Somma e Massimo Boldi. Subito prima il Papa aveva benedetto alcune statue della Madonna, di diverse fogge e misure. PAPA: NON SI E’ CRISTIANI A TEMPO, MA PER SEMPRE – “Non si è cristiani a tempo, solamente in alcuni momenti, in alcune circostanze, in alcune scelte”. Lo ha detto il Papa nell’udienza generale davanti a oltre 70.000 persone, all’inizio della quale ha liberato due colombe che gli aveva portato un fedele, con una gabbietta. Continuando le catechesi sull’Anno della fede, papa Francesco ha chiesto “quali passi – oltre a leggere la scrittura e frequentare i sacramenti – stiamo facendo perché la fede orienti tutta la vita”. “Si è cristiani in ogni momento – ha aggiunto il Pontefice – si è cristiani totalmente: la verità di Cristo, che lo Spirito Santo ci dona, interessa per sempre e totalmente la nostra vita quotidiana, invochiamolo spesso”. ‘DESIDERO VISITARE BONARIA,A CAGLIARI,FORSE A SETTEMBRE’ – “Desidero visitare il santuario della madonna di Bonaria a Cagliari e probabilmente sarà in settembre”. Lo ha annunciato il Papa ai pellegrini sardi in udienza generale, suscitando il loro entusiasmo. Ha quindi raccontato l’origine del nome di Buenos Aires, collegata alla Madonna di Bonaria. Buenos Aires, la città natale di papa Francesco, – come ha raccontato egli stesso oggi all’udienza generale, annunciando un viaggio in Sardegna per settembre – si chiama così per la devozione del fondatore, Pedro de Mendoza, a Nostra Signora di Bonaria, in Sardegna. Nella prima fondazione (2 febbraio 1536) Pedro de Mendoza dedicò il luogo a Nostra Signora Maria del Buon Ayre per mantenere la promessa che fece alla Patrona dei Navigatori che si trovava nella Confraternita dei Mareantes di Triana e della quale era membro. Anche nella rifondazione della città, fatta, da Juan de Garay nel 1580, il nome definitivo è “Ciudad de la Santissima Trinidad en el Puerto de Santa Maria del Buen Aire”. In effetti, “Buen Aire” era la castellanizzazione del nome della Madonna di Bonaria, cioé della Madonna della Candelaria (la Candelora) a cui i Padri mercedari avevano edificato un santuario per i navigatori di Cagliari, e che era venerata anche dai navigatori di Cadice, Spagna. Racconta la storia che nel 1370 approdò nelle spiagge della Sardegna, allora dominata dai catalani, una cassa che conteneva l’immagine di una Madonna che portava il bambino Gesù in braccio, e nell’altro, un cero. Da allora fu venerata come la Madonna nei navigatori e la si chiamò Bonaria, o della “Buona Aria”. Nel tempo della dominazione catalana della Sardegna divenne ben conosciuta dagli spagnoli. In Spagna il suo culto divenne popolare grazie ai marinai, specialmente nel porto di Siviglia, da dove partivano le spedizioni verso le nuove conquiste. Così arrivò al Rio de la Plata portata da due sacerdoti che facevano parte del gruppo comandato da Don Pedro de Mendoza che, per la sua devozione alla Madonna, decise di onorarla concedendo il suo nome alla città fondata.

3 pensieri riguardo “Papa Francesco: “quando un prete, un vescovo va dietro ai soldi, il popolo non lo ama e quello è un segno. Ma lui stesso finisce male”

  • 31 maggio 2013 in 13:23
    Permalink

    Pensavo di mettere il vostro logo sul nostro sito con il vostro link per dar modo ai nostri visitatori di conoscere il vostro blog. Cosa ne pensi?

    Risposta
  • 5 giugno 2013 in 20:57
    Permalink

    Beh, che dire, ho appena lasciato un commento sul mio Blog con link a questo post… anche per ringranziare pubblicamente i visitatori del blog… grazie ragazzi!

    Risposta
  • 5 giugno 2013 in 23:27
    Permalink

    La qualita’ delle informazioni su questo sito è davvero alta. Ci sono un sacco di buone risorse qui. Di sicuro visitero’ il vostro blog di nuovo molto presto.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: