Grillo: “Se proprio Pd e PdL ci tengono alla governabilità, possono sempre votare, loro, la fiducia al primo Governo targato M5S”

“Cercate di non farvi fregare e rimettete, con lucidità, ogni tassello al suo posto. Voi non potete votare che si è reso corresponsabile dello stato in cui versa questo Paese”. Lo scrive Claudio Messora,spesso ospite del blog di Grillo, sul sito del leader del M5S aggiungendo,”non bevetevi il cervello”. “Quindi improvvisamene gli attivisti del Movimento Cinque Stelle si sarebbero bevuti il cervello. Tutti insieme. Dopo avere combattuto per anni il Pdl e il Pd-L, dopo avere mandato ‘affa’ tutto e tutti, improvvisamente, giunti nelle segrete stanze del potere, colpiti dall’ebrezza di qualche carica alla Camera o al Senato, sarebbero tutti per votare la fiducia a Bersani & Co”, scrive con ironia Messora riferendosi alle ricostruzioni giornalistiche secondo cui la base del M5S sarebbe a favore di un accordo con il Pd per il governo. “Se proprio Pd e PdL ci tengono alla governabilità, possono sempre votare, loro, la fiducia al primo Governo targato M5S”, scrive ancora Messora mettendo in guardia: “Questi conoscono l’arte di mettervelo in quel posto meglio di chiunque altro”. “Napolitano merita l’onore delle armi. In questi anni è stato criticato per molte scelte a mio avviso sbagliate, ma ieri in Germania ho visto, al termine del suo mandato, il mio presidente della Repubblica. Un italiano che ha tenuto la schiena dritta. Chapeau”, ha scritto Grillo sul suo blog. Beppe Grillo in un breve intervento pubblicato sul suo blog, commenta la posizione presa dal presidente della Repubblica di fronte alle parole del leader dell’Spd Peer Steinbrueck, che ha definito lo stesso Grillo e Berlusconi “due clown”. Napolitano, sottolinea il leader del Movimento 5 Stelle, “ha tenuto la schiena dritta” di fronte a Steinbrueck, che “non si é neppure scusato” per le sue parole “e dopo una telefonata con il Presidente della Repubblica ha dichiarato ‘Ho detto quello che ho detto!'”. Il capo dello Stato, racconta Grillo ai lettori del suo blog, “ha deciso di non incontrare Steinbrueck”, affermando che “‘l’Italia esige rispettò”. E allora “chapeau”, conclude il fondatore del M5S, che in un passato anche recente non ha risparmiato aspre critiche al presidente della Repubblica. “Il candidato cancelliere dell’Spd come successore di Angela Merkel, Peer Steinbrueck, ha commentato i risultati delle nostre elezioni ‘Sono inorridito dalla vittoria di due clown nelle elezioni italiane’, dando in sostanza degli imbecilli a circa 8.700.000 italiani che hanno votato il M5S e ai 7.300.000 che hanno scelto il Pdl. Una dichiarazione – ha scritto Grillo – offensiva che denota arroganza e scarsa intelligenza politica, doti necessarie per ambire alla carica di cancelliere”. “Ho letto e naturalmente ho apprezzato queste parole”. Così il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha risposto ai giornalisti che oggi a Berlino gli facevano notare le parole di apprezzamento nei suoi confronti di Beppe Grillo, dopo che ieri il capo dello Stato si era rifiutato di incontrare il candidato premier della Spd, Peer Steinbruck, che aveva definito Grillo e Berlusconi due “clown”. D’ALEMA, O GRILLO SI ASSUME RESPONSABILITA’ O AL VOTO – “Se Grillo si illude di spingerci verso un governissimo con Berlusconi noi non lo faremo mai, sarebbe l’errore più grave. Se Grillo vuole si assuma le sue responsabilità o si va a nuove elezioni”. Così Massimo D’Alema, al Tg1, si rivolge al leader M5s. “Spetta al Pd fare il governo. Bersani è pronto a presentarsi. Le altre forze devono assumersi le loro responsabilità” ha poi aggiunto D’Alema, rinnovando l’appello ai partiti, affinché ci sia “una comune assunzione di responsabilità”. “Oggi è l’unica strada possibile” dice infine D’Alema riguardo a un eventuale esecutivo di minoranza. BERSANI A GRILLO, NON SCAPPI DA RESPONSABILITA’ – “Come noi rispettiamo gli elettori anche Grillo li rispetti. I numeri li vede anche lui, non pensi di scappare dalla sue responsabilità con delle battute. Ci si vede in Parlamento e davanti agli elettori”. Così Pier Luigi Bersani, segretario del Pd, replica al ‘governo a 5 Stelle’ proposto dal leader del M5S. Intanto un pacco sospetto, arrivato con un corriere a casa di Beppe Grillo, ha richiesto l’intervento degli artificieri dell’Arma dei Carabinieri. Alla villa si sono presentati due artificieri per visionare il pacco. Il pacco, secondo quanto si e’ appreso, conteneva due bottiglie di vino sardo e una lettera di congratulazioni di un simpatizzante. Gli artificieri dei carabinieri di Genova hanno portato via il pacco sospetto e hanno ritenuto di non far saltare la scatola all’interno della villa, per motivi di sicurezza. A dare l’allarme era stata la moglie di Beppe Grillo attraverso il suo avvocato, che a sua volta aveva allertato i carabinieri di Genova Nervi. Dopo aver accertato con lo stesso Grillo che il mittente era sconosciuto, hanno preferito fare intervenire gli artificieri. “Lo Tsunami che ha travolto la politica italiana ha spazzato via uno tra i Parlamenti più vecchi d’Europa (55 anni di media) restituendo i parlamentari più giovani di tutto il mondo occidentale e dell’intera storia della Repubblica”. Cosi’ Beppe Grillo sul suo blog. “Il gruppo parlamentare con l’età media più bassa, quello che maggiormente ha inciso nel rinnovamento, è quello del MoVimento 5 Stelle, con 37 anni”, rivendica Grillo. “Quello del M5S è anche il gruppo con maggiore percentuale di laureati”. “L’età media, tra Camera e Senato, é di 48 anni, più bassa rispetto non solo a quella dei paesi dell’Ue, ma anche a quella degli Stati Uniti, tutti con un’età media di oltre 50 anni. I deputati eletti avranno un’età media di 45 anni e i senatori di 53 anni”, sottolinea Beppe Grillo sul suo blog, in un post dal titolo ‘I numeri a 5 Stelle della speranza’. “Nella scorsa legislatura l’età media dei deputati era di 54 anni (9 anni di differenza) mentre quella dei senatori di 57 anni (4 anni di differenza)”. Il M5S, rileva Grillo, ha il gruppo più giovane con età media di 37 anni (33 alla Camera e 46 al Senato), mentre il Pdl ha “il più vecchio con 54 anni (50 alla Camera e 57 al Senato). Quello del MoVimento 5 Stelle è anche il gruppo con la maggiore percentuale di laureati: l’88%, in coda alla classifica il Pd con il 67% e la Lega con il 40%”. “Lo Tsunami ha tinto di rosa l’arco parlamentare – prosegue il leader del M5S – non c’erano mai state così tante donne in tutta l’avventura repubblicana. Nella legislatura precedente la presenza femminile era pari ad appena il 21% alla Camera e il 19% al Senato mentre nel nuovo Parlamento è al 31%, il 32% alla Camera e il 30% al Senato. La percentuale tra i parlamentari M5S é superiore alla media con il 38%, ultima la Lega Nord con il 14%. La parlamentare più giovane è la portavoce Marta Grande (25 anni), del M5S Lazio, l’eletto più anziano è il senatore Sergio Zavoli (89 anni) del Pd”. “La classe dirigente rimane invece, per ora, la più vecchia d’Europa con una età media di 59 anni, con punte di 67 anni per i banchieri, di 63 per i professori universitari e di 61 per i dirigenti delle partecipate statali”, conclude Grillo. “L’acqua è frizzante, ripeto l’acqua è frizzante”. “Chiedo scusa ai miei vicini di casa per il disagio di questi giorni, ancora qualche giorno di pazienza e tutto tornerà come prima”. Ha poi aggiunto Grillo con un post scriptum al termine di un intervento sul suo blog, facendo riferimento alla numerosa presenza dei giornalisti davanti alla sua casa di Sant’Ilario.

Fonte: ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: