Treni in ritardo: quando sono previste le indennita’?

Si sa, in Italia i ritardi dei treni sono all’ordine del giorno. Ma se un ritardo di qualche minuto si può facilmente accettare, un’attesa prolungata più del dovuto può diventare davvero intollerabile. A fronte di un problema sempre più sentito dai viaggiatori, Trenitalia, anche sulla base del regolamento (CE) n. 1371/2007 sui “diritti ed obblighi dei passeggeri”,  ha già da tempo definito alcune regole in base alle quali è possibile ottenere delle indennità per i ritardi. L’indennità può essere erogata sotto forma di bonus per l’acquisto di nuovi biglietti oppure in contanti.

Le ipotesi previste sono due:

1. la prima è che il treno sia in ritardo alla partenza.In questo caso, se si prevede un ritardo superiore a un’ora, si ha diritto a scegliere tra ilrimborso del biglietto o laprosecuzione del viaggio In relazione ai tempi di attesa si può avere diritto anche a pasti e bevande. E non solo, se non è possibile continuare il viaggio nello stesso giorno a causa del ritardo e non risulta possibile la prosecuzione con autoservizi sostitutivi come bus o taxi si ha diritto al rimborso del pernottamento.Sono esclusi naturalmente i casi in cui i ritardi siano dovuti a comportamenti di terzi (come l’occupazione dei binari da parte di manifestanti) o dovuti a cause di forza maggiore (tempeste, inondazioni, scioperi etc…)

2. La seconda ipotesi è quella del ritardo all’arrivo.In tale eventualità è prevista un’indennità pari al 25% del biglietto se il ritardo è compreso tra 60 e 119 minuti. L’indennità sale al 50% del prezzo del biglietto se il ritardo è di almeno 120 minuti.Non c’è diritto all’indennità, naturalmente, se al momento dell’acquisto del biglietto si era a conoscenza del ritardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: