Visco: “che si lavori di più, in più e più a lungo”

In Italia non si può non richiedere “che si lavori di più, in più e più a lungo”: lo ha detto il governatore dI Bankitalia Ignazio Visco precisando che “non si tratta di uno slogan ma di un percorso inevitabile da affrontare con determinazione, anche se con gradualità”. Per Visco “non può esserne più rinviato l’inizio”. In Italia, ha osservato Visco aprendo il convengo ‘ Le donne e l’economia italiana’, la sfida della crescita economica è “non solo più difficile ma anche decisiva”. Visco ha spiegato infatti che “il mantenimento stesso del livello di vita raggiunto nel nostro paese richiede che si innalzi l’intensità del capitale umano e riprenda a crescere la produttività totale dei fattori; non può richiedere, come ho osservato in altre occasioni, che si lavori ‘di piu’, in più e più a lungò”. A parere del governatore, dunque, si tratta di un percorso “inevitabile, da affrontare con determinazione, anche se con la gradualità necessaria. Ma non può esserne rinviato l’inizio e mi pare che oggi di questo vi sia consapevolezza”. L’Italia “é innanzitutto un paese anziano”: ha detto il governatore della Banca d’Italia precisando che il paese “ha molti divari da recuperare; deve affrontare e rimuovere ostacoli importanti per assicurare una crescita con quelle caratteristiche”. SERVE MIGLIOR FUNZIONAMENTO MERCATO LAVORO – “Un migliore funzionamento del mercato del lavoro, con la capacità di accompagnare e non con la volontà di resistere al cambiamento – nelle tecnologie, nelle produzioni, nell’apertura dei mercati, nelle organizzazioni delle imprese – va di pari passo con mutamenti profondi nella struttura produttiva”: lo ha detto il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, aprendo il convegno ‘Le donne e l’economia italianà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: