Rispetto reciproco alla base dell’affidamento condiviso

Interessante sentenza della prima sezione civile della Corte di Cassazione in materia di affido condiviso che, nelle ipotesi in cui tra i genitori non c’è un profondo rispetto reciproco, suggerisce ai giudici di non incentivare l’affidamento condiviso.

La sentenza n. 17191/2011 rigettando la richiesta di un padre separato che chiedeva di vedere sua figlia come lo faceva la sua ex moglie, la Corte ha precisato che l’affido condiviso “oltre a un accordo sugli obiettivi educativi, richiede una buona alleanza genitoriale e un profondo rispetto dei rispettivi ruoli”.

Se in primo grado, l’uomo aveva ottenuto l’affido condiviso, i giudici della Corte di appello di Brescia, addebitando la separazione al padre, avevano rigettato le richieste dell’uomo. Secondo i giudici di legittimità infatti, l’affido condiviso deve essere sostenuto dal rispetto per evitare che il minore crei in suo danno “un rapporto relazionale di tipo scisso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: